STORIA DEL TERRITORIO

Se il Bacchiglione è il fiume di Padova città, quello che caratterizza i canali nel centro storico e le imponenti opere idrauliche dell’immediata periferia, la Brenta è il fiume della campagna padovana e vicentina. Come vedremo, non da sempre è stato così. La Brenta è il maggior protagonista del ciclo idraulico del Veneto centrale ed assieme al Piave ha originato la laguna veneta. La paura per le terribili alluvioni è entrata a far parte del patrimonio genetico della popolazione del Veneto centrale, coniando appositamente il termine Brentana. Dunque la Brenta in età romana e preromana passava per Padova. Le ricerche satellitari hanno permesso di individuare le antiche anse fossili una decina di chilometri più a ovest dell’attuale corso.

Dalla zona di passaggio tra l’alta pianura e la pianura alluvionale (zona delle risorgive, circa all’altezza dell’attuale San Pietro in Gù) il fiume si dirigeva decisamente verso l’attuale Camisano Vicentino, per compiere un’ampia curva, scandita da una infinita serie di meandri in continua evoluzione, tra Grisignano di Zocco e Rubano per dirigersi al centro storico di Patavium. Proprio nella più importante ed adatta delle anse sorse la città, all’incirca dove si trova ora piazza Antenore vi era il porto fluviale. Da Padova, in epoca antica e fino a pochi decenni or sono, il fiume è sempre stato navigabile fino alle varie foci.La parte verso le varie
foci è da sempre un inestricabile groviglio di canali, nei quali le acque del
Brenta e del Bacchiglione spesso si confondono.

La laguna era molto più vasta dell’attuale, Adria e Cavarzere erano porti marittimi, tutta la zona fino a Piove di Sacco era lagunare, Codevigo fu bonificato nel 1500. La regolazione ed il contenimento delle acque fluviali fu sempre una delle maggiori preoccupazioni sia in epoca Comunale che sotto il dominio Veneziano. Il magistrato alle acque era una delle massime cariche nel governo della Serenissima, che durante i 400 anni di dominazione si impegnò in numerosissime e costosissime opere di arginatura, deviazione di corsi d’acqua e bonifiche, anche al fine di salvaguardare il delicatissimo, e vitale, equilibrio lagunare.

agriturismi padova, padova agriturismi, padova agritrismo, agriturismo matrimoni, agriturismo comunioni e cresime